LA PELLE, LO SPECCHIO DELLA SALUTE

Aiutiamo la nostra epidermide a mantenersi giovane e bella, prevenendo gli effetti dell’invecchiamento.

La bellezza della pelle è un patrimonio personale: si può conservarla, migliorarla, oppure trascurarla. Anzi, molte volte viene persino maltratta, “bombardandola” di raggi – luce nocivi. E pensare che è proprio quest’involucro esterno a denunciare l’età di una persona. Perché allora dimostrare più anni di quelli anagrafici, apparire vecchi prima del tempo solo per pigrizia o negligenza? Quando la pelle invecchia, perde la sua elasticità e compattezza, diventa rugosa, si presenta “molle”, fragile senza tono, non c’è scampo neppure per un viso grazioso, dai lineamenti minuti. Perché non intervenire prima, prevenendo l’invecchiamento cutaneo anziché curarlo dopo? Anche una pelle giovane può attraversare un periodo “difficile” (diete dimagranti, fumo eccessivo, insonnia, stress ecc.) ed appare spenta, opaca e grigia a vent’anni. Teniamo sotto controllo lo stato di salute della pelle allora, così come cercheremo di avere un sorriso sempre smagliante e una silhouette agile e scattante. E’ un po’ come il nostro biglietto da visita, presentiamoci dunque nella miglior forma possibile.

Che fare per mantenere giovane la pelle? Innanzitutto combattiamo la nemica numero uno: la disidratazione, cioè la mancanza o perdita innaturale di acqua dovuta ad evaporazione. Povera di grassi e di acqua la pelle ha la tendenza ad invecchiare anzitempo e il nostro viso si copre precocemente di rughe. Lo strato di grasso è molto importante per la difesa della pelle da tutti gli agenti lesivi interni ed esterni.

Infatti, per quanto riguarda gli agenti atmosferici: sole, vento, calore, rappresentano i principali colpevoli dell’inaridimento dell’epidermide.

Come si può  rimediare? Bisogna correre al più presto ai ripari nel momento in cui ci si accorge che la disidratazione incalza, cercando di restituire al nostro corpo il liquido che sta evaporando.

La prima regola è quella di bere tanta acqua naturale, limitando, invece, bibite gassate, liquori e caffè. E’ preferibile bere soprattutto al mattino a digiuno e almeno uno o due litri al giorno, specie se si lavora all’aria aperta e al sole per molte ore. Dopo il bagno, è utile non asciugarsi subito: in questo modo l’acqua viene assorbita, almeno in parte, dalla pelle. Se andate al mare e fate lunghe nuotate non dimenticatevi di fare anche una doccia di acqua dolce. L’acqua salata inaridisce la pelle. L’alimentazione può costituire anche in questo caso un fattore estremamente importante per migliorare e curare l’epidermide arida. Una dieta latteo – vegetariana, a base di burro olio, uova, ortaggi e frutta è la più indicata, per l’alta percentuale di vitamine liposolubili.

Detergete la pelle con prodotti adatti, non troppo sgrassanti, tonificatela con cosmetici analcolici a base di erbe e di fiori e soprattutto massaggiate il viso, preferibilmente la sera, prima di coricarsi, con una crema nutriente a base di oli e grassi vegetali.

Che fare per mantenere giovane la pelle? Innanzitutto combattiamo la nemica numero uno: la disidratazione, cioè la mancanza o perdita innaturale di acqua dovuta ad evaporazione. Povera di grassi e di acqua la pelle ha la tendenza ad invecchiare anzitempo e il nostro viso si copre precocemente di rughe. Lo strato di grasso è molto importante per la difesa della pelle da tutti gli agenti lesivi interni ed esterni.

Infatti, per quanto riguarda gli agenti atmosferici: sole, vento, calore, rappresentano i principali colpevoli dell’inaridimento dell’epidermide.

Come si può  rimediare? Bisogna correre al più presto ai ripari nel momento in cui ci si accorge che la disidratazione incalza, cercando di restituire al nostro corpo il liquido che sta evaporando.

La prima regola è quella di bere tanta acqua naturale, limitando, invece, bibite gassate, liquori e caffè. E’ preferibile bere soprattutto al mattino a digiuno e almeno uno o due litri al giorno, specie se si lavora all’aria aperta e al sole per molte ore. Dopo il bagno, è utile non asciugarsi subito: in questo modo l’acqua viene assorbita, almeno in parte, dalla pelle. Se andate al mare e fate lunghe nuotate non dimenticatevi di fare anche una doccia di acqua dolce. L’acqua salata inaridisce la pelle. L’alimentazione può costituire anche in questo caso un fattore estremamente importante per migliorare e curare l’epidermide arida. Una dieta latteo – vegetariana, a base di burro olio, uova, ortaggi e frutta è la più indicata, per l’alta percentuale di vitamine liposolubili.

Detergete la pelle con prodotti adatti, non troppo sgrassanti, tonificatela con cosmetici analcolici a base di erbe e di fiori e soprattutto massaggiate il viso, preferibilmente la sera, prima di coricarsi, con una crema nutriente a base di oli e grassi vegetali.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: