CAMPAGNA BENVENUTO AI NUOVI NATI

Gratis un kit per il bebè grazie alla collaborazione di A.F.M. Farmacie Comunali Ferrara e Bio logika srl

Ferrara. Tutte le mamme in dolce attesa possono ritirare gratuitamente un kit di benvenuto per il proprio nascituro recandosi, da subito e fino al 31 maggio 2010, presso la farmacia centrale n. 1 di Porta Mare con l’apposito tagliando di richiesta.

Si tratta di una simpatica confezione regalo contenente il vestiario essenziale per il nascituro: tutina, calzini, bavaglino ecc.

Il coupon è  reperibile nelle 11 farmacie comunali di Ferrara e al Centro salute donna di via Boschetto.

E’ un’iniziativa strettamente legata al ruolo sociale che da sempre caratterizza l’operato delle nostre farmacie, – spiega Riccardo Zavatti, direttore delle farmacie municipalizzate –

abbiamo pensato di essere vicini alle mamme in un momento delicato come quello della gravidanza, offrendo un regalo utile che fa parte del corredino necessario per l’ingresso al reparto maternità, ma è anche un modo per trasmettere alle future mamme il messaggio che in qualunque momento nelle nostre farmacie potranno avvalersi della preziosa esperienza dei nostri professionisti per risolvere ogni dilemma e trovare le soluzioni più idonee alle esigenze specifiche del proprio piccolo: dai diversi tipi di latte per la prima infanzia, alle pappine, ai pannolini, ai molti altri articoli per crescere in salute il bebè.

“La farmacia non deve essere considerata solo un luogo di distribuzione dei farmaci – dichiara Francesco Schito, presidente di AFM – essa svolge soprattutto la funzione di promotore di salute e benessere, attività che devono essere comunicate verso l’esterno attraverso iniziative che coinvolgano i cittadini.  Solo in questo modo la farmacia diventa quindi un luogo dove le persone possono confrontarsi con dei valori, più che con dei prodotti”.

Il kit di benvenuto è composto da capi che fanno parte di una linea specifica per i neonati, denominata appunto “Amore al Cubo”. Questi vengono realizzati impiegando materiali di prima scelta e sono certificati Oeko-Tex. Tutti gli articoli inseriti nel kit sono in cotone 100%, è sono stati studiati appositamente per garantire al bebè il massimo comfort e soprattutto il miglior adattamento alla delicata pelle dei piccoli appena nati.

Annunci

RIMEDI NATURALI CONTRO L’INSONNIA

Per curare l’insonnia la natura ci viene in aiuto con le sue preziose erbe. Per la cura in genere si usano piante che hanno poteri calmanti e sedativi quali la camomilla, il lauro, l’arancio, il papavero.

Un ottimo infuso si prepara con i fiori d’arancio, ne occorrono 20-30 grammi in 200 grammi di acqua. Ottima è poi la cura a base di papavero che contiene moltissimi principi attivi ad azione sedativa.

IL SONNO, ELISIR DI GIOVINEZZA

L’insonnia è uno dei disturbi più diffusi di questi tempi. Secondo le statistiche almeno il trenta per cento della popolazione occidentale ha problemi di sonno: in Italia sono circa otto milioni le persone che hanno disturbi del sonno. Risultato: stanchezza durante il giorno, perdita di concentrazione, si aumentano le probabilità di ammalarsi e si rischia l’invecchiamento precoce.

E allora che fare per migliorare la qualità del riposo? Secondo gli esperti, la necessità di sonno è dettata dai geni, così come dipende dal Dna la caratteristica che induce alcuni soggetti ad andare a dormire presto e a svegliarsi di buon mattino e altri a fare le ore piccole e ad alzarsi tardi. Quindi viene consigliato di assecondare il più possibile queste caratteristiche con le scelte di vita: sintonizzare il sonno sulle esigenze individuali, è indispensabile per assicurare uno stato di benessere al nostro corpo e alla nostra mente.

Un buon sonno aiuta non solo a liberarsi dalla stanchezza fisica, ma anche a far riposare molti organi vitali che durante la giornata lavorano a pieno ritmo. Il sonno profondo permette la produzione di alcuni ormoni, importanti sia per la crescita dei bambini, sia per gli adulti perché intervengono nella moltiplicazione delle cellule.

Molte ricerche dimostrano che l’ormone della crescita è anche un ormone della giovinezza e che durante il sonno vengono prodotte dall’organismo sostanze che difendono il sistema immunitario. Pare che chi dorme poco è soggetto ad un maggior rischio di influenze e raffreddori.

I problemi legati all’insonnia vanno affrontati subito, in primo luogo evitando tutti i fattori che possono compromettere il sonno (come l’abuso di alcolici, il fumo eccessivo, lo stress) in modo da impedire che il disturbo diventi cronico.

Il ricorso ai farmaci è consentito solo se questi sono consigliati da un medico e in ogni caso non devono essere usati per lunghi periodi di tempo.

MEGLIO UN BICCHIERE DI VINO ROSSO

Bevuto a tavola, senza esagerare,  dà  tono, vitalità  e stimola i sensi

E’ molto diffusa, soprattutto tra i giovani, l’abitudine di assumere droghe per aumentare la performance fisica durante i rapporti intimi con il partner.

Secondo diverse ricerche, le droghe producono effetti negativi sull’attività sessuale. Inizialmente danno uno stato di eccitazione, ma col tempo l’azione diventa controproducente. Queste sostanze hanno il potere di stimolare la produzione dei sedativi naturali prodotti dal cervello ma, superata una certa soglia causano la perdita della vitalità sessuale. A compromettere la sfera sessuale possono essere anche altre sostanze. Il caffè, ad esempio, assunto in grandi quantità, genera un effetto vasocostrittore, mentre il consumo di piccole dosi di alcol aiuta l’attività sessuale perché dilata i vasi sanguigni e trasmette un piacevole senso di euforia.

LA MENTE DELLA DONNA INVECCHIA PIU’ LENTAMENTE

Secondo diversi studi, il cervello femminile è  più efficiente: i neuroni contengono una maggiore quantità di materia grigia

Dopo lunghe ricerche, quattro équipe di psichiatri italiani hanno rivelato una teoria rivoluzionaria: il cervello della donna è più efficiente rispetto a quello dell’uomo. Tale principio viene confermato anche da un gruppo di ricercatori dell’Università della Pennsylvania che, inseguito ad attenti studi, condotti su 40 uomini e 40 donne, hanno scoperto che i neuroni del cervello femminile contengono una maggiore quantità di materia grigia. La materia grigia è legata in particolare, a migliori performance verbali. Inoltre, il cervello della donna sfrutta al meglio tutte le possibilità, prende decisioni più in fretta, risolve meglio i problemi, è particolarmente intuitivo e invecchia più lentamente.

La ricerca italiana si è sviluppata attraverso una serie di esperimenti effettuati su volontari, uomini e donne e in base a dati statistici. Gli studi hanno condotto ad importanti diversità sostanziali tra i due sessi. La comunicazione tra i due emisferi del cervello, quello del pensiero razionale e quello delle emozioni, è migliore nella donna perché l’area che permette tale comunicazione, chiamata corpo calloso, nella donna è più spessa rispetto a quella dell’uomo. Secondo gli studiosi, il cervello femminile ha più autonomia e consapevolezza emotiva e raggiunge la maturità prima di quello maschile, inoltre, nel lobo frontale, dove si svolgono le attività di memoria di lavoro, previsioni, programmazione di azioni, ci sono alcune zone che nella donna, sono più vaste e più irrorate, quindi maggiormente attive. Insomma, pare che a dominare il Terzo millennio saranno proprio le donne.

CASTAGNE, BUONE E RICCHE DI NUTRIENTI

Contiene tali e tante sostanze nutritive che da sola potrebbe bastare a soddisfare il nostro bisogno alimentare.

Ricca di proteine e di sali minerali, la castagna è uno dei frutti autunnali più nutrienti e più saporiti.

E’ diffusa soprattutto nelle zone collinari e cresce racchiusa, in un numero variabile da uno a cinque, entro una cupola ricoperta di spine, detta comunemente riccio o cardo. Quando nel riccio c’è una sola castagna questa prende il nome di marrone, assai pregiato, adoperato in pasticceria per la produzione dei marrons glacés. A tale scopo, i marroni sono sottoposti ad un lento processo di canditura che consiste nell’impregnare il frutto in uno sciroppo a base di zucchero.

Dalla castagna si può ricavare una farina simile alla farina di grano, rispetto alla qual è tuttavia meno digeribile per il tipo di amido presente, ma contiene tali e tante sostanze nutritive che da sola potrebbe bastare a soddisfare il nostro bisogno alimentare, per cui è prescritta a tutti coloro che necessitano di una supernutrizione.

Oltre all’ormai noto castagnaccio (di origine ligure e toscana) preparato con farina di castagne, troviamo addirittura in Sicilia, un nutriente budino a base di castagne secche ammollate in acqua e poi cotte nel latte insieme al riso, uvetta, burro e zucchero. Continua a leggere